SiciliaTermini Im. – CronacaTermini Imerese

Termini Imerese: Non sarebbe morto per un infarto ma, forse, sarebbe stato avvelenato

La Procura apre un’inchiesta e firma la riesumazione del cadavere. I Carabinieri mettono sotto sequestro l’abitazione

Ad un anno dalla morte del giovane pizzaiolo, Sebastiano Musicó, 40 anni, la Procura di Termini Imerese apre un’inchiesta sulle cause della morte avvenuta nel Gennaio del 2019. Non sarebbe stato un infarto, ma una delle ipotesi sembrerebbe quella dell’avvelenamento.

Secondo alcuni elementi emersi in questi mesi l’uomo potrebbe essere stato ucciso da una o più persone. La procura ha disposto il sequestro della casa coniugale dove l’uomo viveva con la moglie. Subito dopo la morte del giovane non è stata eseguita l’autopsia, perché nessuno poteva pensare che non fosse causa naturale.

Adesso la Procura ha chiesto di eseguire l’esame necroscopico per cercare di capire la reale causa della morte.

Tags

Related Articles

Back to top button
Close
Close

Utilizziamo i Cookies tecnici e di terze parti per assicurarti di ottenere una esperienza di utilizzo ottimale nel nostro sito. La prosecuzione nella navigazione (click, scroll,...) comporta l'accettazione dei coockie. LEGGI INFORMATIVA

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi