Termini Im. - EventiTermini Imerese

4 Novembre: Anche Termini Imerese onora le Forze Armate e i suoi Caduti

Oggi celebriamo il Giorno dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate, in questo 2019, anno centenario del decreto che volle una festività dedicata alla appena conquistata unità della Patria

TERMINI IMERESE – Si è svolta questa mattina, (4 Novembre 2019), la celebrazione del 101° Anniversario dalla fine della “Grande Guerra”, Festa dell’Unità Nazionale Giornata delle Forze Armate.

Il Comune di Termini Imerese, in collaborazione con le Associazioni Combattentistiche e D’Arma, ha organizzato il seguente programma: Ore 11:00, ritrovo nella Parrocchia “Santuario Madonna Della Consolazione” per la celebrazione della Santa Messa alla presenza delle autorità civili e militari e delle Associazioni Combattentistiche e D’Arma. A Termine della Celebrazione Eucaristica un composto corteo si è mosso dalla Chiesa Parrocchiale fino al Monumento dei Caduti sito in Piazza Della Vittoria.

Il Corteo percorrendo il Corso Umberto e Margherita ha effettuato una breve sosta di fronte al negozio della famiglia Aguglia ove il titolare, figlio dell’ex combattente e reduce Aguglia Guido, ha esposto ricordi e cimeli del I° conflitto mondiale appartenuti al padre.

Il Corteo prosegue quindi verso Piazza Della Vittoria fino ai piedi del Monumento ai Caduti dove si è intonato L’Inno del Piave”, a seguire dopo la deposizione della Corona Di Alloro una tromba intona le note del Silenzio”. Infine dopo un breve messaggio di saluto da parte delle autorità presenti, alcuni Studenti delle scuole cittadine hanno letto dei componimenti sui temi dell’Unità d’Italia, della Patria, dei Caduti e della Pace. La cerimonia di commemorazione si è conclusa con il canto dell’Inno Nazionale di Goffredo Mameli.

CURIOSITA’ STORICHE  – Testo a cura di Nando Cimino

Alla presenza di autorità civili e militari, di scolaresche e tantissimi cittadini, allietati dagli inni eseguiti dalla banda musicale comunale diretta dal Maestro Caruana, il 4 Novembre del 1922 venne inaugurato il monumento ai patrioti termitani caduti in guerra.

Foto di Nando Cimino

Il discorso ufficiale fu tenuto dal valoroso Colonnello di S.M. Commendatore Rodolfo Corselli. Il Corselli, nato il 16 agosto del 1873 e morto a Roma il 17 gennaio del 1961, era Capo di Stato maggiore del X° Corpo d’armata di Palermo e nel 1934 fu promosso Generale di corpo d’armata prendendo il comando della difesa territoriale di tutta l’Italia centrale.

Il monumento che si trovava allora fuori Porta Messina, fu inizialmente e provvisoriamente recintato con uno steccato di legno. Ma forse perché l’inverno era arrivato precocemente, già dopo pochi giorni qualcuno, nottetempo, pensò bene di smontare parte di quello steccato e portarselo a casa; magari con l’intenzione di alimentare il bracere.

Si dovette provvedere in fretta e furia a ripristinare il tutto e fin quando non furono completati i lavori di sistemazione degli spazi con la definitiva recinzione in ferro, si decise di affidare la sorveglianza del monumento ad un istituto di vigilanza privata che si chiamava “Il Poliziotto Marittimo”.

Successivamente il luogo venne affidato alle amorevoli cure del giardiniere comunale che era allora il signor Vincenzo Balsamo. Sono queste curiosità e questi spaccati di vita popolare della nostra città che pochissimi conoscono e che mi piace raccontarvi e condividere.

Nando Cimino

Tags

Related Articles

Back to top button
Close
Close

Utilizziamo i Cookies tecnici e di terze parti per assicurarti di ottenere una esperienza di utilizzo ottimale nel nostro sito. La prosecuzione nella navigazione (click, scroll,...) comporta l'accettazione dei coockie. LEGGI INFORMATIVA

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi