Termini Im. - EventiTermini Imerese

Termini Imerese: Premiati i vincitori del Premio Nazionale di Poesia Himera

Ogni anno la cerimonia viene dedicata ad un’illustre personalità termitana

Davanti ad una gremita platea, si è svolta presso l’aula Consiliare del Comune di Termini Imerese, domenica 16 settembre, la Cerimonia di Premiazione della VI edizione del Premio Nazionale di Poesia Himera, che oltre alle sezioni poetiche, accoglie una sezione speciale sull’Archeologia e i Beni Culturale ed Ambientali in Sicilia.

Ad organizzare e promuovere il Premio, l’Associazione Culturale Termini d’Arte col patrocinio del Comune di Termini Imerese e del Parco Archeologico di Himera. A presentare la kermesse, l’artista Katiuska Falbo. Presenti il sindaco, avv.to Francesco Giunta, il Presidente del Consiglio, dott.ssa Anna Amoroso e il vice sindaco, avv.to Licia Fullone. Quest’anno il  Premio alla Cultura 2018 è stato assegnato al mecenate messinese Antonio Presti, al quale lo scultore Vincenzo Gennaro ha donato una sua significativa opera “Cavalli di Imera”  in tecnica Raku.

Un riconoscimento che la Commissione giudicatrice, della sezione Poesia, presieduta dal prof. Tommaso Romano e composta dalla poetessa Rita Elia, presidente di Termini d’Arte e dai proff. Ciro Spataro, Maria Patrizia Allotta e Giuseppe Bagnasco, ha voluto conferirgli quale ideatore e costruttore di bellezza e civiltà. Antonio Presti è l’ideatore della Fiumara d’Arte, parco di sculture all’aperto nella Valle dei Nebrodi, il più grande d’Europa; ha realizzato l’Atelier sul mare, un albergo a Castel di Tusa, affidando a vari artisti la realizzazione delle camere,  ed ancora della Piramide al 38° Parallelo dove ogni anno 21/22 giugno, per il Solstizio d’Estate,  si svolge il Rito della Luce.

Nella sezione Poesia edita è stato premiato il poeta Renzo Piccoli di Bologna, col 2° premio Cesira Ida Toscano di Cosenza, col 3° Premio ex aequo Eleonora M. Chiavetta di Bussolengo (VR) e  Jana Carcara di Bagheria. Per la sezione poesia inedita in Lingua Italiana, 1° Premio a Mariolina La Monica di Casteldaccia, 2° Premio a Pietro Vizzini di Capaci e 3° Premio ex aequo ad Angelo Abbate di Bagheria e Antonino Alaimo di Palermo . Menzioni di merito sono state date a Vittorio Di Ruocco di SA, Lucia Lo Bianco di PA e Giovanni Gulino di ME. Per la sezione inedita in Lingua Siciliana premiato con il 1° Premio Francesco Billeci di Borgetto (PA),  2° Premio a Gaetano Lia di Ragusa e 3° Premio a Emilia Merenda di Palermo. Menzioni di merito sono state date a: Angela Bono (CT), Cinzia Pitingaro di Castelbuono (PA) e Giuseppe Caleca di Castellammare del Golfo (TP). I testi premiati sono stati declamati dal prof. Raimondo Pilato. Incantevole valletta della serata, Alessandra Portale.

Il piacevole intermezzo musicale è stato eseguito dal Premio all’Eccellenza di quest’anno, il tenore Domenico Ghegghi, con accompagnamento musicale del M° Salvatore Garofalo, che ha ricevuto scroscianti applausi. Ogni anno la cerimonia viene dedicata ad un’illustre personalità termitana, quest’anno è stata dedicata all’economista e scienziato, abate Paolo Balsamo: premiata con  la “Targa Paolo Balsamo”, la Società Operaia di Mutuo Soccorso che ne porta il nome. Il dott. Fabrizio Melfa è stato premiato con la Targa Saverio Orlando, istituita dall’Associazione per ricordare il socio, stimatissimo medico, scrittore e poeta; il Premio alla Carriera ha visto un’emozionata Serena Lao, artista palermitana.

Per la Sezione speciale, la Giuria presieduta dal Prof. Vincenzo Gennaro e composta dai proff. Manuela Sinatra e Sergio Aiosa, ha premiato con 1° Premio il neo laureando Luca Salvaggio di Palermo con una tesi di laurea su Himera, inoltre la Giuria ha voluto premiare un’intera classe di studenti di Terme Fulgatore (TP)  per avere realizzato una guida turistica a fumetti sui beni artistici, culturali ed ambientali di Trapani. Grande la loro gioia.

La presidente di Termini d’Arte, ha dichiarato: ho accolto di buon grado la partecipazione dei giovani studenti, tramite la loro referente prof.ssa Caterina Vitrano,  ritenendo il loro lavoro un’ottima iniziativa dal punto di vista educativo nella loro formazione di futuri custodi di tali ricchezze culturali da tutelare e valorizzare. In questa stessa sezione, un doveroso riconoscimento, con una Targa all’Eccellenza, al regista Gianni Virgadaula, per il docufilm Gelone, la spada e la gloria che ha raccontato, attraverso la rappresentazione filmica, una delle più prestigiose pagine del territorio.

Tags

Related Articles

Back to top button
Close
Close

Utilizziamo i Cookies tecnici e di terze parti per assicurarti di ottenere una esperienza di utilizzo ottimale nel nostro sito. La prosecuzione nella navigazione (click, scroll,...) comporta l'accettazione dei coockie. LEGGI INFORMATIVA

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi