RubricaTermini Imerese

“Ddoppu li tri Rè Carnalivari è….” – di Nando Cimino

Secondo una antica tradizione, a Termini Imerese proprio all'indomani del 6 Gennaio, si entrava già in clima carnevalesco

Credete che il Natale sia finito? Assolutamente no. Infatti, come molti di voi sapranno, le festività natalizie non si concludono con l’Epifania; bensì il due febbraio giorno della Candelora, festa della presentazione di Gesù al Tempio.

E però, secondo una antica tradizione, a Termini Imerese proprio all’indomani del 6 gennaio, si entrava già in clima carnevalesco. Ecco a tal proposito cosa ci racconta il Professore Giuseppe Navarra nel suo libro TERMINI COM’ERA. – “…Da noi il carnevale non finiva più. Cominciava il giorno dopo l’Epifania e terminava con il martedì grasso. – Il giorno stesso dell’Epifania, a Termini Bassa, si sentiva il cupo suono della brogna, quel tritone che una volta si pescava occasionalmente nel nostro mare, ed i monelli andavano gridando per le strade: “Doppu li tri Rrè, Olè Olè”….L’indomani dell’Epifania i monelli già uscivano per le strade, con in faccia una maschera e gridando: “Ih, eh, Carnalivari iè….”.

Le nostre nonne invece, e questo lo aggiungo io, incontrandosi tra i vicoli dei quartieri popolari dicevano: “Passò la Pifania, arrivò carnalivari, mittemuni la maschira ca è tempu d’abballari”. – Questo è un’altro dei tanti aspetti di quella che era la vita popolare della nostra città agli inizi del novecento.

Unisciti al gruppo Whatsapp di TelevideoHimera News

Tags

Related Articles

Back to top button
Close
Close

Utilizziamo i Cookies tecnici e di terze parti per assicurarti di ottenere una esperienza di utilizzo ottimale nel nostro sito. La prosecuzione nella navigazione (click, scroll,...) comporta l'accettazione dei coockie. LEGGI INFORMATIVA

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi