CronacaMondo

Nonni ubriachi gettano bimbo di 11 mesi vivo nella stufa: Piangeva troppo

È successo in Russia

Gettato nella stufa a legna dai nonni ubriachi a soli 11 mesi di vita. E lasciato lì dentro, a morire arrostito. Non hanno sopportato il suo pianto e per questo, lo hanno fatto smettere per sempre.

Il piccolo Maxim Sagalakov è stato lasciato dalla  mamma Viktoria Sagalakova, di 20 anni, in custodia ai suoi genitori di 42 e 47 anni nel distretto di Khakassia, in Russia. La mamma al suo ritorno nella casa dei genitori ha ritrovato il suo piccolo completamente carbonizzato dentro la stufa. Secondo una nota del comitato investigativo regionale, i nonni erano ubriachi ed hanno gettato il nipote ad ardere con la legna.

Tags

Related Articles

Back to top button
Close

Utilizziamo i Cookies tecnici e di terze parti per assicurarti di ottenere una esperienza di utilizzo ottimale nel nostro sito. La prosecuzione nella navigazione (click, scroll,...) comporta l'accettazione dei coockie. LEGGI INFORMATIVA

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi